“Noi abbiamo più volte detto che era utile un intervento pubblico proprio perché l’Ilva è un’attività strategica per il nostro Paese, ma per noi si parte dal piano industriale che un anno fa Mittal si è impegnato a realizzare, in termini di investimenti e di occupazione“. Il segretario generale della Cgil Maurizio Landini – ospite della diretta tv di “Accordi&Disaccordi”, il talk show politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi con la partecipazione di Marco Travaglio, in onda tutti i venerdì su Nove alle 22.45. ha commentato a caldo la dichiarazione del premier Giuseppe Conte all’uscita dell’incontro tra governo e vertici di ArcelorMittal riguardo alla possibilità di fare un intervento pubblico per salvare l’azienda di Taranto. “Essere un Paese industriale significa essere capaci di produrre dell’acciaio ben fatto. Noi dicevamo Cassa depositi e prestiti o un altro soggetto pubblico, che dentro alla società ci fosse anche una presenza pubblica sia per togliere alibi a chi dice che qui c’è un terreno ostile a chi vuole investire, sia per controllare che si faccia quello che si deve fare”, ha spiegato l’ex leader della Fiom.

“Accordi&Disaccordi” è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9. Segui @aedtalkshow su Facebook, Twitter e Instagram.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Travaglio: “Su blocco prescrizione il Pd consulti gli iscritti con piattaforma come Rousseau”

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Scanzi: “Le sardine? Sono sentinelle dell’indignazione, ma attente a rimanere libere e vere”

next