Dall’abolizione di quota 100 e reddito di cittadinanza – sostituito da un Rei rafforzato – alla legalizzazione della cannabis per finanziare il taglio della prima aliquota Irpef. Poi la regolarizzazione degli immigrati irregolari, l’applicazione della direttiva Bolkestein per i balneari e la creazione di fondi ad hoc per aiutare gli studenti fuorisede e per finanziare innovazione e transizione energetica. E’ la contro-manovra Ok, Boomer” – l’espressione che i Millennial usano per riferirsi ai Baby boomer – di Più Europa, tradotta in cinque emendamenti alla legge di Bilancio.

Il primo emendamento prevede l’abolizione del reddito di cittadinanza (7,5 miliardi annui) e l’istituzione di un Rei rafforzato (3,5 miliardi al posto dei 2,1 miliardi precedenti), un voucher universale per le famiglie (2 miliardi annui) e un fondo per il sostegno delle spese di alloggio degli studenti fuorisede (1 miliardo). Il secondo emendamento propone l’abolizione di Quota 100: ripristinando l’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita e fermando la crescita dei consumi intermedi della Pa al livello del 2018 si ricaverebbero risorse – circa 5,5 miliardi nel 2020 e 7,5 miliardi nel 2021 – per un “Fondo Anni Venti’mdestinato all’innovazione, alla formazione continua e alla transizione energetica.

Il terzo emendamento chiede la legalizzazione della cannabis per ridurre la prima aliquota Irpef dal 23 al 20% a tutti i contribuenti. Il quarto regolarizza i lavoratori extracomunitari irregolarmente soggiornati in Italia, ricavando risorse per la riduzione del deficit. Il quinto, infine, abroga la proroga per 15 anni delle concessioni balneari varata dal Conte 1 che contrasta con la direttiva europea Bolkestein e dispone la messa a gara del demanio marittimo (sono stimate maggiori entrate tra i 120 milioni per il 2020 e i 150 milioni di euro dal 2021).

“L’esercizio che abbiamo fatto – ha detto in conferenza stampa la leader di Più Europa, Emma Bonino – è lavorare all’interno della manovra del governo, che io ritengo un libro dei sogni, per cercare, da opposizione costruttiva, di migliorarla: dalla legalizzazione della cannabis alla regolarizzazione degli immigrati troviamo altri gettiti da investire in istruzione e riforme che possano spingere l’economia. Cerchiamo di migliorare una manovra che riteniamo fortemente insufficiente”. “Sull’evasione fiscale proponiamo la legalizzazione di due settori: cannabis e lavoratori stranieri irregolari”, ha aggiunto il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova. “Un modo per recuperare 10 miliardi da un’evasione fiscale che oggi è un’imposta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Auchan-Conad, istruttoria Antitrust sull’acquisizione: “Può eliminare o ridurre in modo sostanziale e durevole la concorrenza”

next
Articolo Successivo

Energia, il carbone è insostenibile anche per i conti delle aziende elettriche: il 79% degli impianti europei perde soldi

next