Colpita dalle indagini su operazioni finanziarie illecite, l’Autorità di informazione finanziaria del Vaticano resta senza presidente: lascia l’attuale numero uno, lo svizzero René Brüelhart. Papa Francesco ha già nominato il successore, ma il nome verrà comunicato soltanto al rientro del Pontefice dal viaggio apostolico in Thailandia e Giappone, il 26 novembre. La Santa Sede intanto ha voluto soltanto precisare che sarà una “figura di alto profilo professionale e accreditata competenza a livello internazionale”, in modo da assicurare la continuità dell’azione istituzionale dell’Aif. Il portavoce del Papa tiene inoltre a specificare che il cambio è stato reso necessario da “precedenti impegni istituzionali dell’interessato e per la definizione di alcune procedure interne alla Santa Sede”.

Ma il momento è davvero delicato per l’istituto. A ottobre, due denunce dello Ior e del Revisore Generale dello Stato città del Vaticano, risalenti alla scorsa estate, hanno fatto scattare le perquisizioni nella prima sezione della Segreteria di Stato e proprio nell’Aif. L’operazione, autorizzata dal Pg vaticano, Gian Piero Milano, e dall’Aggiunto Alessandro Diddi, riguardava operazioni finanziarie sospette, compiute nel tempo, legate a compravendite immobiliari all’estero, in particolare a Londra. Un’operazione immobiliare da centinaia di milioni di euro in uno dei quartieri più esclusivi della capitale inglese, Chelsea, sarebbe stata conclusa con i fondi che dovevano essere destinati all’obolo di San Pietro. I reati ipotizzati vanno dalla corruzione alla truffa, passando per il peculato, il riciclaggio e l’autoriciclaggio. Per questa vicenda, cinque dirigenti (tra i quali il direttore dell’Aif Tommaso Di Ruzza) erano stati sospesi dall’incarico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maltempo in Alto Adige, in volo con il drone sulla valanga in Val Martello: sfiorato il centro abitato

next
Articolo Successivo

Dodicenne paralizzato dopo puntura di trigone, “muove le braccia e una gamba”

next