Con lucchetti alle porte e sacchetti di sabbia in strada gli attivisti dell’opposizione georgiana hanno bloccato lunedì pomeriggio l’accesso al parlamento nella capitale di Tbilisi. I manifestanti, con a capo il leader del partito di opposizione “Nuova Georgia”, Giorgi Vashadze, hanno chiesto le dimissioni del governo guidato dal partito “Sogno Georgiano” di Mamuka Bakhtadze: “Andremo avanti finché non saranno soddisfatte le richieste di dimissioni del governo e convocate nuove elezioni parlamentari anticipate con il sistema proporzionale”, ha precisato l’opposizione all’agenzia di stampa russa Interfax.

Secondo quanto riferiscono i media locali, la polizia ha già allontanato i manifestanti utilizzando cannoni ad acqua e liberato l’edificio dai picchetti. Gli attivisti si sono dispersi per le strade del centro. Nonostante tutto, diverse decine di manifestanti sono poi tornate davanti al parlamento, circondate da centinaia di agenti di polizia.

Le protesta a Tbilisi sono cominciate la settimana scorsa, quando i deputati hanno respinto un progetto di legge che prevedeva la soppressione del sistema elettorale misto e l’introduzione del proporzionale per le prossime legislative di ottobre 2020. Domenica davanti al parlamento si erano radunati 20mila manifestanti: la folla ha sventolate bandiere georgiane e dell’Unione europea. Anche ieri la polizia ha cercato di frenare la protesta con gli idranti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bosnia, tempesta sul campo profughi di Vucjak: tende distrutte e sommerse dal fango

next
Articolo Successivo

Usa, svolta sulle colonie israeliane in Cisgiordania: per Trump sono legittime e “non violano il diritto internazionale”

next