Molte letture date dai colleghi Pd del governo sono tese a ridicolizzare posizioni politiche di grande rigore. Io sono in questo governo e sento di avere una grande responsabilità, che non è quella di fare carinerie ai colleghi, quella di provare a dare risposte ai problemi del Paese. Sfido chiunque a dire che le questioni poste da Italia Viva erano ideologiche e non finalizzate a dare un contributo al miglioramento la vita degli uomini e delle donne di questo Paese. E un esempio è Ilva“. Esordisce così, a “24 Mattino”, su Radio24, Teresa Bellanova, ministro dell’Agricoltura e capo delegazione di Italia Viva nel governo Conte Due, alle critiche mosse da molti esponenti del Pd sulle posizioni del suo partito.

E si sofferma sul caso Ilva: “Della vicenda si può fare una lettura caricaturale o dire la verità. Siamo stati fino alle 2 di notte nel Consiglio dei Ministri, dove ho continuato a dire che quella scelta che si stava prendendo era sbagliata. Avevamo detto che si dovevano rispettare i patti. Quindi, si doveva andare avanti con la immunità per AncelorMittal, così come era prevista nell’accordo sottoscritto dal ministro Di Maio, e si doveva chiedere ad AncelorMittal di rispettare i patti sottoscritti. Questo alle persone normali sembra il comportamento di uno che vuole mettere in discussione il governo o di chi si fa carico delle criticità per dare una soluzione? – continua – Una cosa non si può fare: e cioè che sulla base di frustrazioni personali di questo o di quell’altro rappresentante politico si giochi con la vita di 20mila famiglie. A chi mi riferisco? A chi prima ha contestato, poi ha approvato delle norme, le ha votate in Cdm e in Parlamento, e successivamente le ha rimesse in discussione, per poi riapprovarle. E penso anche a rappresentanti territoriali che credono di giocare col consenso piuttosto che concentrarsi sulla soluzione dei problemi“.

Bellanova non ne ha solo per l’ex ministro del Sud Barbara Lezzi e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, ma anche per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nonostante poi corregga il tiro estendendo la sua accusa ad esponenti politici pugliesi: “Il ruolo della politica non è quello di andare in giro per dire che non si ha una soluzione, perché questo destabilizza le persone. E questo vale per tutti, anche per chi sta nel territorio e dice: ‘Quello non lo vogliamo ma non ho la soluzione’. Noi non possiamo sempre inseguire l’applauso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bologna, Salvini ‘inseguito’ dai social: “Qui c’è Facebook, qui Instagram e qui TikTok”. Poi: “Devo cantare? Faccio vedere la pancia?”

next
Articolo Successivo

Processo Cucchi, Salvini nega le scuse alla famiglia e dice: “Se qualcuno ha sbagliato pagherà. La droga fa male e io la combatto”

next