Intimidirono e pestarono un detenuto tunisino di 50 anni. Con queste accuse undici tra ispettori e agenti di polizia penitenziaria del carcere di San Vittore, a Milano, oggi trasferiti in altre strutture, sono stati rinviati a giudizio dal gup di Milano Alessandra Cecchelli. I reati contestati, a vario titolo, sono quelli di intralcio alla giustizia, lesioni, falso e sequestro di persona ai danni di Ismail Ltaief, detenuto per tentato omicidio, e si sarebbero consumati tra il 2016 e il 2017.

Secondo le indagini condotte dal pm milanese, Leonardo Lesti, le violenze e le intimidazioni nei confronti del detenuto avevano lo scopo di punirlo perché, nel 2011, quando era in cella a Velletri, in provincia di Roma, aveva denunciato altri agenti per furti in mensa e percosse. Altro obiettivo dei pestaggi, sostiene l’accusa, era quello di impedire all’uomo di testimoniare nel processo ‘bis’ davanti al Tribunale della cittadina laziale proprio sulla vicenda delle presunte ruberie.

Ad alcuni degli imputati è stato contestato il reato di sequestro di persona perché in uno dei due pestaggi, datati 27 marzo e 12 aprile 2017, come si legge nel capo d’imputazione, il 50enne, privato “della libertà”, sarebbe stato ammanettato e trasferito in una stanza in uso a uno degli agenti sotto inchiesta per poi essere picchiato.

Oltre a Ltaief, parte offesa nel procedimento è anche un suo compagno di cella, un sudamericano di 30 anni che, chiamato a rendere testimonianza ai magistrati milanesi, sarebbe stato intimidito da uno degli imputati che per questo venne anche arrestato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Carcere evasori, Bonafede: “Italia Viva vuole affossarlo? No passi indietro, né compromessi”. E ai renziani: “Basta con la ricerca visibilità”

next
Articolo Successivo

Giustizia, Bonafede: “Riforma pronta da un mese, non si può più rinviare. Presto vertice di maggioranza”

next