Nell’anno del 50° anniversario dello sbarco della Luna un contenitore con campioni di rocce e suolo dell nostro satellite portato a Terra dalla missione Apollo 17 è stato aperto. È stata la Nasa a decidere di togliere i sigilli a questa capsula del tempo per far esercitare i suoi ricercatori a studiare i campioni che saranno prelevati dalle future missioni sulla Luna. L’agenzia spaziale Usa ha annunciato lo scorso febbraio il ritorno sulla Luna di astronauti entro il 2028. Il contenitore aperto è un cilindro che contiene un campione di regolite, ossia lo strato di roccia e terra che copre la superficie della Luna, che fu raccolto dagli astronauti dell’Apollo 17 Gene Cernan e Jack Schmitt nel dicembre 1972. Un altro contenitore con un campione raccolto dalla stessa coppia di astronauti sarà aperto a gennaio 2020. L’iniziativa fa parte del progetto Apollo Next-Generation Sample Analysis (Angsa) della Nasa, che punta a studiare i campioni raccolti durante il programma Apollo utilizzando nuovi strumenti che non erano disponibili negli anni ’70.

“Oggi possiamo eseguire misure impossibili durante gli anni del programma Apollo”, rileva la geologa planetaria Sarah Noble, del programma Angsa. Le tecniche disponibili oggi per studiare i campioni includono infatti metodi come l’immagine 3D, la spettrometria di massa (scansione con atomi o molecole elettricamente carichi) e la microtomia ad altissima risoluzione (che taglia i campioni in sezioni ultrasottili) che consentono di studiare le rocce in modo molto dettagliato. “L’analisi di questi campioni consentirà nuove scoperte scientifiche sulla Luna e permetterà a una nuova generazione di scienziati di affinare le loro tecniche per studiare meglio i campioni che saranno raccolti dagli astronauti del programma Artemis”, osserva Francis McCubbin, del Johnson Space Center della Nasa a Houston, dove è stato aperto il contenitore. L’esplorazione della Luna da parte degli astronauti nel programma Artemis, spiega la Nasa, sarà basata sull’uso delle risorse della Luna, incluso il ghiaccio d’acqua che può essere usato per produrre carburante o ossigeno per respirare. Lo studio di questi campioni non aperti può consentire di ottenere informazioni sull’origine dei depositi di ghiaccio polare lunari, nonché su altre potenziali risorse per la futura esplorazione della Luna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sigarette elettroniche, “la vitamina E acetato all’origine di malattie e decessi”

next
Articolo Successivo

Mini-scosse contro la dipendenza da cocaina, primi test su 100 pazienti

next