“Le minacce contro Segre, contro Salvini, contro chiunque sono gravissime”. Lo ha detto ieri mattina il leader della Lega Matteo Salvini lasciando una manifestazione di Coldiretti in corso in piazza Montecitorio, riferendosi all’assegnazione della scorta assegnata alla senatrice a vita. “Anche io ne ricevo quotidianamente”, ha aggiunto. In serata però il leader del Carroccio ha corretto il tiro e, forse spinto dal clamore mediatico, si è mostrato decisamente più solidale con la senatrice. ” Non è una bella giornata quella in cui il Paese Italia è costretto a dare la scorta a Liliana Segre, che ha tutta la mia vicinanza e tutta la mia comprensione, come tutti coloro che sono vittime di odio ingiustificato – a Bologna per presentare l’evento di apertura della campagna elettorale di Lucia Borgonzoni, candidata al governo della Regione Emilia-Romagna – Negare l’olocausto o dirsi antisemiti nel 2019 è da ricovero urgente in una struttura sanitaria, pubblica o privata, però di primaria importanza”

di Agenzia Vista

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liliana Segre, odio e razzismo non sono nel Dna degli esseri umani. Tranne qualche eccezione

prev
Articolo Successivo

Ex Ilva, Di Maio: “M5s è contrario al ritorno delle scudo penale. Se la maggioranza presenta emendamento senza accordo è un problema”

next