Con quei loro sguardi d’intesa, quella vicinanza e passione che ci avevano messo nel cantare insieme “Shallow” al pianoforte nella notte degli Oscar 2019 avevano fatto sognare milioni di fan, certi che tra loro fosse scattata la scintilla e ci fosse qualcosa di più di una semplice amicizia nata sul set. E così per mesi si sono susseguiti i gossip su una loro relazione segreta, alimentati anche dalla rottura di lui con la top model Irina Shayk, mamma della loro bambina, Lea. Quella che sembra essere una favola a lieto fine però, si è rivelata l’ennesima finzione hollywoodiana (assolutamente ben riuscita). A rompere l’incantesimo è stata la stessa Lady Gaga che, intervistata da Oprah Winfrey, ha rivelato che tra lei e Bradley Cooper non c’è mai stato nulla ma che è stata tutta una finzione.

Il flirt? Ci abbiamo lavorato molto per giorni, è stato orchestrato tutto come fossimo su un set”, ha raccontato infatti la popstar svelando che lei e Cooper si sarebbero pure compiaciuti entrambi per il risultato ottenuto. Non solo, Lady Gaga è poi entrata nei particolari, spiegando che avevano fatto delle prove per fare in modo che la loro storia d’amore fosse più realistica possibile e che proprio l’iconica scena al pianoforte era stata in realtà “studiata nei minimi dettagli”: “Volevamo che la gente pensasse davvero che eravamo innamorati — ha detto citando il suo duetto con l’attore 44enne ai 91esimi Academy Awards —. Volevamo che tutti provassero quell’amore agli Oscar. E che la notizia si diffondesse attraverso tutti gli schermi televisivi”.

Una versione che confermata anche da Bradley Cooper che. anche lui proprio a Oprah Winfrey, aveva rivelato qualche tempo fa che se con Lady Gaga ci fosse stato un sentimento reale lui non sarebbe stato in grado di guardarla negli occhi in quel modo, seduto su quel pianoforte davanti a milioni di spettatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maurizio Costanzo Show, Giorgia Meloni: “Sono stata la babysitter della figlia di Fiorello”

prev
Articolo Successivo

Fabio Volo: “Mi sostituirono con Gazebo, ancora non ho capito perché”

next