Giovedì 7 novembre, per qualche ora, il debito dell’Italia è stato considerato dai mercati più rischioso di quello della Grecia. Il rendimento dei titoli decennali greci a 10 anni, che sta calando rapidamente dalla vittoria del conservatore Kyriakos Mitsotakis alle elezioni, è infatti sceso fino a 1,1% mentre quello dei Btp italiani saliva all’1,16%. Lo spread tra titoli greci a dieci anni e Bund tedeschi si è così ridotto a meno di 150 punti, mentre quello Btp-Bund era poco sopra i 150.

Il sorpasso è stato subito notato dal Financial Times che sul suo sito ha titolato: “Italia più rischiosa della Grecia”, evidenziando come sia la prima volta dal 2008 che i bond ellenici rendono così poco. “I rendimenti di entrambi i paesi, che hanno avuto un picco durante la crisi del debito in euro, rimangono molto bassi per gli standard storici, ma la riabilitazione del mercato obbligazionario della Grecia è stata la più spettacolare”, commenta il quotidiano britannico.

Il crollo dei tassi riguarda tutti i Paesi dell’Eurozona ed è legato alla politica monetaria ultraespansiva della Banca centrale europa finisce per trascinare in terreno negativo anche i titoli di Stato degli Stati considerati meno virtuosi. Quelli della Germania e di diversi Paesi del Nord Europa sono ormai in territorio negativo su tutte le scadenze, comprese quelle trentennali, da diversi mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conti pubblici, Ue: “Incertezza su gettito da misure anti-evasione. Nel 2020 pil a +0,4%”. Italia ultima per crescita, Berlino penultima

next
Articolo Successivo

Manovra di tasse? Ecco i numeri: colpite banche, assicurazioni, imprese della plastica e delle bibite dolci, concessionari e petrolieri

next