Sempre più ingarbugliata la storia tra Alex Belli, la compagna Delia Duran e l’ex marito di lei Marco Nerozzi. L’attore a “Live- non è la d’Urso” ha accusato Nerozzi di aggressione, davanti al tribunale di Ravenna dove si era appena svolta l’udienza per il divorzio di Delia. “Ha aperto la portiera della nostra auto, – ha raccontato Belli – ha tentato di tirarmi fuori, e scaraventato a terra Delia, che nel frattempo era intervenuta. All’ospedale ci hanno dato qualche giorno di prognosi per degli ematomi e delle escoriazioni”.

Nerozzi è intervenuto per dare la sua versione dei fatti. L’uomo ha premesso che non ce l’ha mai avuta con l’ex moglie, dopo otto anni di rapporto. È pur vero che si è avvicinato alla macchina: “Sono andato contro di lui, volevo dargli due schiaffi in faccia, questo lo ammetto. Ovviamente lui si è chiuso in macchina, io ho cercato di tirarlo fuori, è tutto vero”. A quel punto è intervenuta Delia alla spalle di Nerozzi, che non si sarebbe mosso, mentre Belli sarebbe scappato a tutto gas con la sua macchina.

Tra l’altro i due uomini avevano avuto già lo scorso anno un incontro ravvicinato e violento. “Alex Belli aveva fatto dei fotomontaggi per far credere che mia moglie – ha spiegato Nerozzi – fosse stata aggredita da me, vorrei vedere quale uomo non avrebbe voluto tirare due schiaffi a questo deficiente. Belli non convincerà mai nessuno che io l’ho trattata male per due anni”. Nerozzi nel passato ha subito inchieste per prostituzione e riciclaggio di denaro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vieni da Me, Stefano Tacconi: “Da quel giorno mia suocera continua ad odiarmi”

prev
Articolo Successivo

Catania, concerto abusivo con fuochi d’artificio: indagati 10 cantanti neomelodici e tre manager

next