La città di Varese ha concesso, con votazione unanime, la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. In un consiglio comunale che ha visto un’ampia partecipazione della popolazione, la mozione proposta dal consigliere Enzo Rosario Laforgia ha ottenuto l’appoggio di tutte le forze politiche. Un lungo applauso ha poi sottolineato l’importanza simbolica della votazione, in una città in cui è iniziato il calvario della senatrice Segre, catturata mentre stava cercando di scappare in Svizzera, trattenuta nel carcere di Varese per alcuni giorni, prima di essere trasferita a San Vittore, poi nel campo di sterminio di Auschwitz. “La cosa importante, oltre al voto unanime, è la grande partecipazione dei cittadini. Varese ha dato prova di grande forza democratica” ha commentato il sindaco Davide Galimberti.

Presente in consiglio anche Roberto Maroni, che ha votato a favore della mozione. “Il giusto riconoscimento per una persona che ha sofferto, una forma piccola ma simbolica di risarcimento. Il mancato applauso in Senato? Parlo di quello che succede a Varese”.
“La cittadinanza onoraria di Varese mi fa piacere perché è il primo carcere in cui sono entrata – ha commentato Liliana Segre – La mia vita è cambiata tante volte: così come un tempo ero stata espulsa da scuola e sono entrata in Senato, così a Varese ero entrata in carcere e ora la stessa Varese mi dà la cittadinanza”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ex Ilva, Conte: “Inaccettabile posizione di ArcelorMittal, governo vuole mantenere livelli occupazionali”

prev
Articolo Successivo

Ex Ilva, rispunta vecchia cordata Jindal-Cdp-Arvedi battuta da Arcelor ai tempi di Gentiloni. Uilm: “Sarà necessaria una gara europea”

next