Rick Genest, meglio conosciuto come lo “Zombie Boy” lanciato da Lady Gaga nel video di “Born This Way” non si è suicidato ma la sua morte è riconducibile a cause accidentali. È la conclusione a cui è giunto il coroner nel suo rapporto ufficiale su quanto accaduto il 1 agosto del 2018 a Montreal, in Canada, quando il modello più tatuato al mondo fu trovato morto dopo un volo dal balcone del suo appartamento.

Dalle indagini della polizia è emerso infatti che “Zombie Boy” è deceduto a causa di un grave trauma cranico provocato dal volo dal terzo piano che ha fatto perché alterato dal’alcol e dalla cannabis: “Alcuni parenti del signor Genest hanno rivelato che era solito sedersi sul bordo del balcone, quando usciva a fumare”, ha scritto il coroner nel suo rapporto specificando che proprio questa sua abitudine l’ha portato alla morte dal momento che le telecamere di sorveglianza dell’edificio mostrano Genest che sembra fumare una sigaretta poco prima di cadere dal 3° piano, come riferisce la Bbc.

Rick Genest fu ritrovato a terra sanguinante e privo di sensi da un passante: dall’autopsia è emerso come il giovane avesse un tasso alcolemico nel sangue di tre volte superiore al limite consentito, oltre a tracce di cannabis. Inizialmente si era pensato che si trattasse di suicidio e anche Lady Gaga sui social aveva dato questa versione dei fatti, salvo poi scusarsi con i familiari di Genest vista l’assenza di prove a riguardo. Fino all’ultimo però, il coroner non aveva voluto escludere questa ipotesi dal momento che in passato “Zombie Boy” aveva avuto problemi di salute mentale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anna Tatangelo contro Dolcenera: “Io il pesce e lei il caviale? Il pesce piace a tutti, ma il caviale fa schifo a un sacco di gente”

next
Articolo Successivo

Isabella Ferrari: “Una mattina mi sono svegliata e non riuscivo più a muovere le gambe. Ho sofferto di una malattia rara di cui non faccio il nome”

next