La maggioranza ha confermato l’intenzione di portare avanti la 4 riforme costituzionali su cui si era accordata il 7 ottobre, alla vigilia del voto sul taglio dei parlamentari. Il tavolo a cui hanno partecipato tutti i capigruppo ha rinnovato l’intesa e si è aggiornato a domani (mercoledì) alle 12 a Palazzo Madama. Le riforme riguardano l’omogeneizzazione dell’elettorato attivo e passivo di Senato e Camera (18 anni per votare e 25 per esseri eletti), l’omogeneizzazione della base elettorale del Senato a quella della Camera e la riduzione dei delegati regionali che partecipano all’elezione del Presidente della Repubblica. La maggioranza invece prende tempo sulla legge elettorale: non è stata oggetto del vertice odierno, ma i capigruppo di M5s, Pd, Leu e Iv presenti hanno confermato l’impegno a presentare un “testo condiviso” entro dicembre, data indicata anche nel documento comune del 7 ottobre.

“E’ stato un tavolo costruttivo, sia a livello di metodo che di merito”, ha detto Federico D’Incà, ministro dei Rapporti con il Parlamento. La nuova riunione di mercoledì servirà a perfezionare la tecnica parlamentare con cui portare avanti le riforme: “Andremo avanti nei prossimi giorni, mesi ed anni. Gli accordi presi verranno portati avanti sia sulle riforme che sul programma di governo”, ha assicurato sempre D’Incà.

A livello di contenuti, c’era già intesa sull’abbassamento da 40 a 25 dell’età per essere eletti in Senato, da portare avanti con un emendamento a una riforma già partita e ora a Palazzo Madama. Ovvero quella che abbassa da 25 a 18 l’età per poter votare per il Senato. In questo modo si otterrebbe l’uniformità con Montecitorio. Un accordo c’era già anche sulla diminuzione da tre a due dei delegati che ogni Consiglio Regionale invia in Parlamento per le elezioni del Presidente della Repubblica, in base all’articolo 83 della Costituzione. Una misura che serve a compensare il taglio del numero dei parlamentari.

Sulla base elettorale del Senato, che oggi è regionale, sul tavolo c’erano due ipotesi: o farla divenire “pluriregionale” o “circoscrizionale” come la Camera, per permettere il recupero dei resti a livello nazionale. L’opzione è caduta su questa seconda ipotesi. Infine per quanto riguarda la tecnica parlamentare, l’orientamento è presentare un ddl autonomo con la base elettorale del Senato e la riduzione del numero dei delegati regionali, invece che presentare anche per queste riforme degli emendamenti al ddl sul voto ai 18enni per il Senato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Appendino: “Problema non è alleanza con Pd ma la destra che ha sempre più consensi. Di Maio? Leadership non in discussione”

next
Articolo Successivo

Odio online, Marattin: “Documento di identità per aprire profili social”. Esperti: “Una sparata. Non sa come funzionano le piattaforme”

next