Quattro riforme che facciano da contrappeso al taglio dei parlamentari e prima di tutto un progetto per una nuova legge elettorale. I capigruppo delle forze di maggioranza, a meno di 24 ore dal voto definitivo del ddl che taglia 230 deputati e 115 senatori, hanno firmato un accordo per quattro provvedimenti che intervengano per garantire rappresentatività e partecipazione. Non solo quindi la modifica del sistema di voto, ma anche l’abbassamento dell’età per l’elezione in Senato, la riforma dei regolamenti parlamentari per garantire maggiore centralità delle Camere e l’avvio dell’iter per arrivare all’autonomia differenziata. L’incontro di maggioranza è iniziato alle 18 e dopo poco più di un’ora è trenta è stata diffusa una nota con la quale, si legge, i partiti hanno siglato “un impegno comune che darà seguito alla riforma della riduzione dei parlamentari, con quattro punti specifici sulle riforme istituzionali da offrire anche al dialogo con le opposizioni”. A sottoscriverla: i capigruppo M5s Francesco Silvestri e Gianluca Perilli, i democratici Graziano Delrio e Andrea Marcucci, Maria Elena Boschi e Davide Faraone (Italia viva), Loredana De Petris e Federico Fornaro (Leu), Julia Unterberger (Autonomie). Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, che ha coordinato l’incontro, ha detto di essere molto “soddisfatto”: “E’ un passo importante per la legislatura”, ha dichiarato. “Sono convinto che, dopo la riduzione dei parlamentari, avremo 3 anni e mezzo di stabilità di governo e l’apertura di un cantiere di riforme”.

Al primo punto del documento diffuso al termine del vertice, viene citata appunto una delle riforma più difficoltose, ovvero quella che interviene per la modifica del sistema di voto. “La riduzione del numero dei parlamentari”, si legge, “incide sul funzionamento delle leggi elettorali di Camera e Senato, aggravandone alcuni aspetti problematici, con riguardo alla rappresentanza sia delle forze politiche sia delle diverse comunità territoriali. Conseguentemente, ci impegniamo a presentare entro il mese di dicembre un progetto di nuova legge elettorale per Camera e Senato al fine di garantire più efficacemente il pluralismo politico e territoriale, la parità di genere e il rigoroso rispetto dei principi della giurisprudenza della Corte costituzionale in materia elettorale e di tutela delle minoranze linguistiche”.

Al secondo punto invece, si parla di unificazione dell’elettorato attivo e passivo di Camera e Senato (18 e 25 anni). “Ci impegniamo a intervenire”, si legge ancora, “nel corrente mese di ottobre, sul progetto relativo all’abbassamento dell’età per il voto per il Senato della Repubblica in corso di esame in quel ramo del Parlamento per equiparare i requisiti di elettorato attivo e passivo di Camera e Senato”. Quindi, continua il testo: “Ci impegniamo, altresì, a presentare un testo volto a modificare il principio della base regionale per l’elezione del Senato e per riequilibrare il peso dei delegati regionali che integrano il Parlamento in seduta comune per l’elezione del Presidente della Repubblica, a partire dall’elezione successiva a quella delle nuove Camere in composizione ridotta”. Ovvero, la maggioranza si impegna a modificare la base elettorale del Senato (non più “base regionale” ma “pluriregionale”) e a ridurre i delegati regionali per l’elezione del capo dello Stato.

Al terzo punto si chiede poi la riforma dei regolamenti di Camera e Senato: “La riduzione del numero dei parlamentari implica alcuni interventi sui Regolamenti parlamentari”, si legge. “Auspichiamo un lavoro rapido delle Giunte per il Regolamento di Camera e Senato per riformare i Regolamenti vigenti così da adeguarli in modo efficiente al nuovo numero dei parlamentari, garantendo in entrambi i rami del Parlamento alle minoranze linguistiche di potere costituire gruppi o componenti autonome”. Ma, quello che chiede la maggioranza, va oltre: non solo adeguare quanto necessario ai nuovi numeri perché tutte le componenti siano rispettate, ma anche cercare di inserire strumenti che permettano di ridare centralità al Parlamento: “Nel contempo tale riforma è essenziale per valorizzare il ruolo del Parlamento con interventi tesi ad armonizzare il funzionamento delle due Camere e limitare in maniera strutturale il ricorso alla decretazione d’urgenza e alla questione di fiducia. In particolare si tratta di intervenire anche sulla disciplina del procedimento legislativo allo scopo di dare certezza di tempi alle iniziative del governo e più in generale ai procedimenti parlamentari, coniugando la celerità dell’esame parlamentare con i diritti delle minoranze”.

Infine al quarto e ultimo punto, i capigruppo si impegnano “ad avviare entro dicembre un percorso che coinvolga tutte le forze politiche di maggioranza, aperto al contributo dei costituzionalisti e della società civile, volto anche a definire possibili interventi costituzionali, tra cui quelli relativi alla struttura del rapporto fiduciario tra le Camere e il Governo e alla valorizzazione delle Camere e delle Regioni per un’attuazione ordinata e tempestiva dell’autonomia differenziata“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Delrio: “Renzi? Proposta su assegno unico figli è mia, non sua. Rilascia interviste per prendersi meriti e visibilità. Ma devo svegliarmi io”

prev
Articolo Successivo

Regeni, il padre Claudio dopo l’incontro con Di Maio: “Speriamo in un cambio di passo, anche nei confronti della controparte egiziana”

next