“La civiltà fossile sta collassando in tempo reale, finirà entro il 2028”. È questa la previsione dell’economista statunitense Jeremy Rifkin che ieri sera al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia di Milano ha presentato il suo nuovo libro Un Green New Deal globale (Mondadori). “Questo avverrà perché oggi il costo dell’energia solare ed eolica è diventato inferiore di quella prodotta dal nucleare, dal carbone o dal gas naturale”. Rifkin tesse le lodi del movimento Fridays For Future definendolo come “la prima vera rivolta planetaria della razza umana nella storia” e indica la via per un il nuovo Green New Deal: “Non servono nuove imposte, abbiamo bisogno di creare sistemi puliti finanziati da banche green nazionali e globali che emettano obbligazioni green per creare infrastrutture”. Un cambio di paradigma che può avvenire su scala nazionale: “Questo cambiamento climatico è così enorme che nessun governo può pensare di gestirlo a livello centralizzato. Non si può fare geopolitica, ma dobbiamo trovare un equilibrio di coscienza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Energia, negli Usa le centrali a carbone in declino (nonostante Trump). Sale al 20% la quota di elettricità prodotta da rinnovabili

next
Articolo Successivo

Inchiesta Bio-On, la ricerca di tecnologie miracolose spesso non fa altro che danni

next