La parola chiave è cambiamento: delle abitudini di consumo, delle scelte politiche, del modello economico. Alla vigilia della giornata di mobilitazione indetta dal movimento Fridays for future, ne abbiamo parlato con gli studenti davanti al Politecnico di Milano, trovandoli in buona parte sensibili al tema. “Noi cittadini possiamo fare molto – dichiarano i più consapevoli – per esempio ridurre il consumo di carne, effettuare una seria raccolta differenziata, muoverci con i mezzi pubblici, fare a meno della plastica monouso, premiare fornitori di energia da fonti rinnovabili e in generale ridurre sprechi e consumi inquinanti”. “Tutto vero, ma la responsabilità di salvare l’ambiente è dei governi a livello globale: dobbiamo continuare a fare pressione sulla politica per la transizione energetica e la riconversione ecologica”, spiegano altri. E voi che ne pensate? Come si può contribuire alla lotta al cambiamento climatico?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, le emissioni di Cina e India sono il vero problema? Solo in parte

next
Articolo Successivo

Global strike, ecco perché non posso dire a mio figlio di andare in piazza a protestare

next