“Voti di Italia Viva a un ipotetico governo di centrodestra? Se proprio manca qualche voto, ci si parla”. Risponde così il deputato della Lega Massimo Garavaglia a uno scenario prospettato dalla giornalista Maria Latella, durante la trasmissione “24 Mattino”, su Radio24.
E, citando un celebre Carosello interpretato da Ernesto Calindri e da Franco Volpi nel 1957, aggiunge ironicamente: “Però diciamo che Renzi non è il massimo dell’affidabilità. Mettiamola così: chi si mette con Renzi ha la garanzia che ‘dura minga’ (non dura mica, ndr)”.

“Si potrebbe dire la stessa cosa di Salvini, eh”, replica il giornalista Simone Spetia.
E l’ex sottosegretario all’Economia ribatte: “No, no, per l’amor di Dio. Salvini ha una parola e quella è. La parola era ‘facciamo delle cose’. Il M5s ha deciso di diventare la stampella sinistra del governo di sinistra-sinistra ed è una scelta sua. E infatti il M5s è destinato a finir di fare la stampella di questo governo di sinistra-sinistra. Noi abbiamo mollato perché questi dicevano ‘no’ su tutto, come l’abbassamento delle tasse. E ora fanno un governo che mette un sacco di tasse. Elezioni Umbria? Come le Europee avevano certificato per i 5 Stelle il dimezzamento dei voti e per la Lega il raddoppiamento, queste elezioni dimostreranno che mettere insieme Pd e M5s li danneggia entrambi. Vedremo domenica prossima. Siamo in serena attesa di quello che succederà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manovra, dai paletti sulla flat tax per le partite Iva alle multe per chi non utilizza il Pos: ecco su cosa si scontrano le forze di governo

prev
Articolo Successivo

Briatore: “Sto creando il Movimento del Fare, siamo stanchi di sentirci dire che siamo evasori. Renzi e Salvini? Li vorrei in squadra. Di Maio no”

next