Lo sfratto esecutivo è previsto per martedì 22 ottobre. Ma il Caffè Greco, nella centralissima via dei Condotti a Roma, sarà aperto e sul posto ci sarà Vittorio Sgarbi. Il critico d’arte dà un appuntamento molto preciso. “Dove c’è da difendere la cultura e la storia lì c’è Vittorio Sgarbi. È stato così da sempre. Per questo motivo martedì sarò a Roma a prendere un caffè all’Antico Caffè Greco che non può e non deve chiudere. Questa è una battaglia di civiltà. Contro chi pensa che col denaro è possibile fare tutto. Si può fare molto, ma non tutto. Non a scapito della memoria comune che va preservata. Per questo martedì 22 sarò presente in via dei Condotti dalle 7.30 alle 9 per offrire cappuccino e brioches ai manifestanti”. In mezzo c’è una causa tra i gestori e la proprietà, l’Ospedale Israelitico.

Non c’è solo il critico d’arte in difesa dello storico locale. “Il Caffè Greco e i suoi arredi, a partire da 250 anni fa, e quelli recentemente acquisiti sono vincolati dal 1953. Il ministero dei Beni Culturali -scrive in una Italia Nostra Roma – a tutela dello storico Caffè deve intervenire con autorevolezza sia per bloccare lo sfratto che per inventariare i contenuti vincolati. Il Codice dei Beni Culturali prevede che, in fase di sfatto esecutivo, un funzionario sia incaricato di presenziare allo sfratto, redigere un verbale ufficiale del contenuto vincolato, quadri, arredi, specchiere, porcellane, suppellettili etc., e inviare diffida al proprietario per eventuali manomissioni o asportazioni. La soprintendenza Speciale Roma ha, quindi, a norma del Codice dei Beni Culturali l’obbligo di presenziare allo sfratto esecutivo del 22 ottobre. Italia Nostra Roma, in quanto portatrice di interessi collettivi farà istanza, a chi di competenza, per poter presenziare allo sfratto esecutivo. I sigilli all’Antico Caffè Greco significano per Roma e per la comunità internazionale la polverizzazione di una funzione storica irrinunciabile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libri, dalla chiusura dei manicomi com’è migliorata la vita dei matti?

next
Articolo Successivo

Libri: uno sguardo sull’Africa tra gang, perbenismo e povertà

next