Il cadavere decomposto di un uomo ritrovato dentro un tombino in piena New York. La notizia di per sé potrebbe risultare di routine. Gli operai della Verizon stanno installando una linea telefonica tra la 58esima e l’ottava Avenue, all’altezza di Columbus Circle, sentono puzza uscire da un tombino, aprono il coperchio e trovano il morto. La polizia conferma che il cadavere è lì da diversi giorni e che potrebbe essere di un senzatetto. Ma la bizzarria arriva subito dopo. Come segnalato dagli operai Verizon, il coperchio del tombino pesa quasi 100 chili e per sollevarlo ci vogliono almeno un paio di uomini molto ma molto robusti attrezzati di tutto punto. Perlopiù ad uno degli incroci più trafficati della Grande Mela di giorno come di notte. Il mistero si infittisce. La polizia indaga in attesa di capire come e quando qualcuno sia riuscito ad infilare quel corpo in mezzo alla folla senza che nessuno si sia accorto di nulla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brasile, crolla un palazzo di 7 piani a Fortaleza. Il disastro ripreso in diretta

prev
Articolo Successivo

Famiglia vive chiusa in cantina per nove anni: aspettava la fine del mondo

next