La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, con una maggioranza schiacciante dovuta anche all’appoggio di oltre due terzi dei rappresentanti Repubblicani, ha votato a favore della risoluzione che condanna la decisione di Donald Trump di ritirare le truppe dalla Siria, spianando di fatto la strada all’offensiva turca contro i curdi. Dalla parte del ‘sì’ si sono schierati 354 deputati contro appena 60. La risoluzione, che non è tuttavia vincolante, non solo condanna il ritiro delle truppe americane ma afferma che la Turchia deve cessare il fuoco e che la Casa Bianca deve presentare un piano per una “sconfitta durevole” di Isis.

Pur non apportando modifiche dal punto di vista operativo, è la prima volta che il Grand Old Party si compatta con numeri così netti contro una decisione del presidente degli Stati Uniti, aumentando le preoccupazioni dell’amministrazione soprattutto riguardo alle possibili conseguenze che questo precedente può provocare sull’indagine per impeachment collegata al Kievgate e su un eventuale voto del Congresso.

A convincere i Repubblicani ad appoggiare la risoluzione contro il tycoon, secondo le dichiarazioni post voto, sono stati sia il “tradimento” nei confronti del popolo curdo, alleato fondamentale per la lotta allo Stato Islamico in Siria, oltre al pericolo di un riemergere di Daesh in quei territori, soprattutto dopo che il comandante delle Syrian Democratic Forces, Mazlum Kobane, ha annunciato lo stop alle attività per il contrasto a Isis da parte delle milizie a maggioranza curda.

Poco dopo la votazione, la presidente della Camera, la Democratica Nancy Pelosi, ha twittato che la Casa Bianca ha annullato un briefing di giovedì per i legislatori sulla Siria, “negando al Congresso il diritto di essere informato mentre l’amministrazione prende decisioni sulla sicurezza nazionale”. Parole che, secondo quanto riferito da alcuni dei presenti a un incontro sulla Siria con i leader del Congresso, alla Casa Bianca, non sono piaciute al presidente che ha insultato Pelosi definendola una “politica di terz’ordine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Siria, Erdogan: “Non dichiareremo mai cessate il fuoco”. E i curdi dichiarano “interrotte” le operazioni anti-Isis: “Non sono più la priorità”

next
Articolo Successivo

Catalogna, terza notte di scontri tra protestanti e polizia: usati lacrimogeni, almeno 80 feriti

next