Perché incontro stasera Renzi da Vespa? Io non scappo mai. Io ho sempre accettato confronti con tutti. Se uno è convinto delle proprie idee, non deve avere paura di confrontarsi con nessuno. Certo, Renzi è un altro genio: voleva la semplificazione e ha fondato l’ennesimo partito di cui non si sentiva la fondamentale esigenza in Italia”. Così, ai microfoni di “Lavori in corso”, su Radio Radio, il senatore della Lega, Matteo Salvini, motiva la ‘sfida televisiva’ di stasera con il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, nella trasmissione condotta da Bruno Vespa, “Porta a porta”, alle 22.50, su Rai Uno.

Salvini accetta anche la proposta di un confronto sulla stessa emittente radiofonica con la sindaca di Roma, Virginia Raggi, con l’ex alleato M5s Luigi Di Maio, con il segretario del Pd Nicola Zingaretti, con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte (“Basta che si parli di vita reale e non di supercazzole. Magari facciamo questo confronto in una buca di Roma”) .

Staffilata pesante a Virginia Raggi: “Sinceramente mi sembra assente. Passa le sue giornate a twittare #SalviniChiacchierone. Mi mandano i suoi tweet contro di me, ma io ormai non le rispondo neanche più. Non lo so, cazzo, fai il sindaco di Roma e hai il tempo di twittare contro Salvini? Ma vai a visitare qualche deposito Atac o alla metro Anagnina”.

Stoccata anche Giuseppe Conte: “Mi spiace di aver conosciuto una persona diversa da quella con cui ho lavorato per più di un anno, facendo il suo vice, sostenendolo, difendendolo dagli attacchi. E invece lui mi ha riservato una sequela di insulti che neanche la mia prof. di filosofia al liceo mi aveva destinato“.

Inevitabile la menzione di Luigi Di Maio: “E’ politicamente finito. Può sopravvivere ancora per un po’, ma l’idea di rivoluzione, di cambiamento, di onestà, di trasparenza, dell”uno vale uno’, del cambiare l’Europa e il mondo è finita, nel momento in cui ti allei col partito che rappresenta i poteri forti, le banche, la finanza. Sono passati dalla rivoluzione al mandare Gentiloni a Bruxelles. E vedrete il voto in Umbria il 27 ottobre. La gente non è scema. Di Maio dice: ‘Non faccio alleanze regionali col Pd, ma patti civici”. E’ una supercazzola. Che cosa vuol dire? Ti allei o non ti allei? Non occorre uno scienziato per intuire che vincerà la Lega in Umbria“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europa Verde, ECOlogica ha fatto nascere un nuovo modo di fare politica. E io ho capito che ribellarsi si può

prev
Articolo Successivo

Manovra, Gualtieri: “Pronta, al lavoro su dettagli. Più soldi in busta paga”. Ma non risponde sul tetto al contante

next