“La mozione è stata adottata, il Parlamento ritira la fiducia al governo“: è l’annuncio di Marcel Ciolacu, presidente della Camera dei deputati rumena. L’esecutivo guidato da Viorica Dancila, esponente del Partito Socialdemocratico (Psd), non potrà proseguire. Lo ha deciso la maggioranza del Parlamento, con 238 voti a favore della mozione di sfiducia (5 in più del minimo necessario, 233), su 465.

Viorica Dancila era stata designata nel gennaio 2018 ed è stata il terzo primo ministro nell’arco di sette mesi. C’è attesa, ora, per le sue dimissioni. Per il crollo dell’esecutivo sono stati decisivi i voti di alcuni franchi tiratori, ma la maggioranza aveva già subito alcuni colpi nei mesi precedenti, che facevano presagire la crisi: dall’abbandono dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali (Alde) guidati da Calin Popescu Tariceanu agli attacchi di Pro Romania, il partito di centrosinistra dell’ex premier Victor Ponta. Alle elezioni europee di maggio il Psd ha subito una pesante perdita di consensi, e nello stesso mese il presidente del partito Liviu Dragnea, considerato da molti l’uomo politico più influente del Paese, è stato arrestato per corruzione.

Ora il presidente Klaus Iohannis si occuperà di trovare un nuovo esecutivo, avviando le convocazioni con i partiti che siedono in Parlamento: al momento si prevede o un governo tecnico che possa traghettare il Paese fino alle parlamentari del prossimo anno o il ricorso alle elezioni anticipate. Tra un mese, invece, sono in programma le presidenziali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, la Turchia bombarda e l’Isis si risveglia: in 24 ore più attentati e rivolte nelle carceri

prev
Articolo Successivo

Ecuador, tumulti contro l’austerity di governo. Quando la sinistra tradisce se stessa e il popolo

next