di Duilio Farina

È da quando seguo un po’ la politica (da quando ho 20 anni circa) che sento qualsiasi forza politica sostenere che il numero dei parlamentari debba essere ridotto. Però chissà perché non è mai stato possibile farlo, a causa di cavilli di regolamento, diritti acquisiti, ordinamento costituzionale e mille altre scuse.

Con la quarta e ultima votazione alla Camera i parlamentari sono stati ridotti davvero e per di più di un numero significativo (345). Ciò significa che era possibile, che in passato ci sono solo state raccontate balle sulla sua impossibilità. Per quanto mi riguarda, questo è un piccolo miracolo politico del M5s che è riuscito a far votare a favore di questo provvedimento quasi tutte le forze politiche: anche il Pd che le tre volte precedenti aveva votato contro; anche la Lega che a un certo punto sembrava voler votare contro forse come ripicca dopo il cambio di governo (da lei stessa innescato per altro); anche Forza Italia che di suo non avrebbe mai sostenuto un provvedimento simile; anche tante altre forze politiche e parlamentari che spesso si erano espressi a favore del provvedimento (in linea di principio), ma contrari per un qualche motivo a caso (ad esempio “cosa ne sarà della rappresentatività?”).

Non penso che il taglio del numero dei parlamentari sia il provvedimento più importante approvato dalle scorse elezioni a oggi: il reddito di cittadinanza, il decreto dignità, la riforma della prescrizione (solo per citarne qualcuno) hanno e avranno un impatto sulla società molto maggiore rispetto al taglio di 345 parlamentari. Di certo però la riforma costituzionale approvata rappresenta uno dei provvedimenti più simbolici. E i simboli e gli esempi contano eccome: il taglio dei parlamentari dimostra che anche le promesse più difficili, quelle per cui ci si è sempre sentiti dire “non si farà mai”, possono essere mantenute. È solo una questione di volontà politica, le chiacchiere stanno a zero.

P.s: lo so, se qualche forza politica lo dovesse richiedere, sarà necessario un ultimo passaggio, il referendum costituzionale. Diciamo che alla domanda “vuoi ridurre il numero dei parlamentari da 945 a 600?” confido che gli italiani voteranno in massa “Si”. E se ciò non dovesse avvenire, allora nessuno si potrà più lamentare del fatto che in Italia ci siano troppi parlamentari. A quel punto però sarebbe una decisione dei cittadini, non dei politici.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carcere evasori, Ruocco (M5s): “C’è già. No al daspo per commercialisti? Bene”

prev
Articolo Successivo

Per Matteo Renzi la politica è essenzialmente tattica

next