di Duilio Farina

È da quando seguo un po’ la politica (da quando ho 20 anni circa) che sento qualsiasi forza politica sostenere che il numero dei parlamentari debba essere ridotto. Però chissà perché non è mai stato possibile farlo, a causa di cavilli di regolamento, diritti acquisiti, ordinamento costituzionale e mille altre scuse.

Con la quarta e ultima votazione alla Camera i parlamentari sono stati ridotti davvero e per di più di un numero significativo (345). Ciò significa che era possibile, che in passato ci sono solo state raccontate balle sulla sua impossibilità. Per quanto mi riguarda, questo è un piccolo miracolo politico del M5s che è riuscito a far votare a favore di questo provvedimento quasi tutte le forze politiche: anche il Pd che le tre volte precedenti aveva votato contro; anche la Lega che a un certo punto sembrava voler votare contro forse come ripicca dopo il cambio di governo (da lei stessa innescato per altro); anche Forza Italia che di suo non avrebbe mai sostenuto un provvedimento simile; anche tante altre forze politiche e parlamentari che spesso si erano espressi a favore del provvedimento (in linea di principio), ma contrari per un qualche motivo a caso (ad esempio “cosa ne sarà della rappresentatività?”).

Non penso che il taglio del numero dei parlamentari sia il provvedimento più importante approvato dalle scorse elezioni a oggi: il reddito di cittadinanza, il decreto dignità, la riforma della prescrizione (solo per citarne qualcuno) hanno e avranno un impatto sulla società molto maggiore rispetto al taglio di 345 parlamentari. Di certo però la riforma costituzionale approvata rappresenta uno dei provvedimenti più simbolici. E i simboli e gli esempi contano eccome: il taglio dei parlamentari dimostra che anche le promesse più difficili, quelle per cui ci si è sempre sentiti dire “non si farà mai”, possono essere mantenute. È solo una questione di volontà politica, le chiacchiere stanno a zero.

P.s: lo so, se qualche forza politica lo dovesse richiedere, sarà necessario un ultimo passaggio, il referendum costituzionale. Diciamo che alla domanda “vuoi ridurre il numero dei parlamentari da 945 a 600?” confido che gli italiani voteranno in massa “Si”. E se ciò non dovesse avvenire, allora nessuno si potrà più lamentare del fatto che in Italia ci siano troppi parlamentari. A quel punto però sarebbe una decisione dei cittadini, non dei politici.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carcere evasori, Ruocco (M5s): “C’è già. No al daspo per commercialisti? Bene”

next
Articolo Successivo

Per Matteo Renzi la politica è essenzialmente tattica

next