“Non condividiamo” la decisione della Cedu e “faremo valere in tutte le sedi le ragioni del governo italiano e le ragioni di una scelta che lo Stato ha fatto, tanti anni fa, stabilendo che una persona può accedere anche ai benefici, a condizione però che collabori con la giustizia”. A dirlo il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a proposito della decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo, che ha respinto il ricorso presentato dal nostro Paese contro la sentenza che stabilisce che la condanna al carcere a vita “irriducibile” vìola l’articolo 3 della Convenzione europea sui diritti umani. “Il mio pensiero – conclude il Guardasigilli – va a tutti i familiari delle vittime di mafia: devono sapere che lo Stato continuerà a battersi per loro con grande determinazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ergastolo ostativo, sono oltre 1000 i condannati: boss e terroristi mai pentiti

next
Articolo Successivo

Cremona, condanne da due a sette anni per la maxi rissa tra antagonisti ed esponenti di Casapound del 2015

next