“Non condividiamo” la decisione della Cedu e “faremo valere in tutte le sedi le ragioni del governo italiano e le ragioni di una scelta che lo Stato ha fatto, tanti anni fa, stabilendo che una persona può accedere anche ai benefici, a condizione però che collabori con la giustizia”. A dirlo il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a proposito della decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo, che ha respinto il ricorso presentato dal nostro Paese contro la sentenza che stabilisce che la condanna al carcere a vita “irriducibile” vìola l’articolo 3 della Convenzione europea sui diritti umani. “Il mio pensiero – conclude il Guardasigilli – va a tutti i familiari delle vittime di mafia: devono sapere che lo Stato continuerà a battersi per loro con grande determinazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ergastolo ostativo, sono oltre 1000 i condannati: boss e terroristi mai pentiti

next
Articolo Successivo

Cremona, condanne da due a sette anni per la maxi rissa tra antagonisti ed esponenti di Casapound del 2015

next