Si è arreso ai carabinieri, dopo esser stato accerchiato dai militari, Maurizio Quattrocchi, il 47enne che questa notte, attorno alle 4, è sospettato di aver ucciso a coltellate la moglie Zinaida Solonari a Cologno al Serio, in provincia di Bergamo. L’uomo, ricercato per tutto il giorno, è stato localizzato nella zona di Martinengo (Bergamo), dove i carabinieri hanno bloccato tutte le vie di fuga. Arrestato, è ora nella caserma del paese in attesa di essere portato in quella di Treviglio.

Secondo una prima ricostruzione, la vittima, moldava di 36 anni, era appena rientrata dal lavoro quando è stata aggredita dal marito davanti al cancelletto d’ingresso della casa delle sorella, una villetta di via Alberto da Giussano, dove si era trasferita con i tre figli dopo le continue liti con il marito. Il 47enne le ha sferrato almeno due coltellate prima di sfuggire via in auto. Inutili i tempestivi soccorsi: la donna è morta poco dopo l’arrivo dei sanitari allertati dai vicini di casa. I tre figli dormivano nella villetta con gli zii e i cugini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Austria, 25enne si consegna alle autorità e confessa: “Ho ucciso la mia ex ragazza e tutta la sua famiglia”

prev
Articolo Successivo

Sparatoria Trieste, i pm chiederanno perizia psichiatrica per Meran. Il 29enne dominicano dimesso dall’ospedale: è in carcere

next