“Con questo decreto, che prevede un elenco di paesi sicuri per i rimpatri, si dimezzano i i tempi per l’esame delle domande di protezione internazionale nei tribunali”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in conferenza stampa alla Farnesina, presentando con il ministro degli Esteri Luigi Di Maio il piano sui rimpatri. “Noi abbiamo domande di protezione che occupano grande spazio nei tribunali. Per i paesi considerati sicuri – ha spiegato Bonafede – ci sarà un diverso meccanismo della prova. Non ci sono i presupposti per ottenere la protezione, salvo prova contraria”. Insomma sarà il migrante a dover dimostrare una situazione a rischio. “Il decreto – ha concluso Di Maio – si inverte l’onere della prova”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Salvini in piazza: “Raggi dimettiti”. I consiglieri del M5s gli offrono un mojito: “Non è il Papeete”

next
Articolo Successivo

Decreto Rimpatri, Di Maio: “Individuati 13 Paesi sicuri. Per i loro cittadini che chiedono protezione sarà invertito l’onere della prova”

next