Un fondo di 90 milioni da destinare ad associazioni che si occupano di assistenza agli anziani e agli ultimi, per combattere il loro disagio in tutte le sue forme. È quanto ha lasciato Livio Garzanti, scrittore ed editore scomparso 4 anni fa a Milano, nelle sue volontà testamentarie. Garzanti ha lasciato disposizioni precise al professor Mario Cera, presidente della Fondazione Ravasi Garzanti, che si sta occupando della sua eredità che comprendeva la sede della storica casa editrice in via della Spiga a Milano. Completata la vendita dell’edificio, ora si darà attuazione alle volontà dell’editore. I 90 milioni sono conservati in un fondo chiamato ‘Societas Societatum‘, di cui Cera è presidente. “Pensiamo di volare alto e costituire un centro di riferimento in questo settore a livello nazionale”, ha dichiarato Cera, durante la serata organizzata ieri, giovedì 3 ottobre, a Milano per presentare i progetti resi possibili dalla devoluzione del ricavato della vendita del palazzo. All’evento hanno partecipato diversi esponenti del mondo del’associazionismo milanese, a cui l’editore milanese era vicino e che hanno beneficiato delle donazioni. Fra di loro Emergency, Naga, Vidas, Gruppo Abele e la Comunità Ebraica

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Londra, medici vogliono staccare ventilazione a bimba. Giudici: “Non deve morire”. Verrà in Italia

prev
Articolo Successivo

Commenti sessisti contro una consigliera, l’hater lavorerà in un maso di montagna

next