Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza, il libro di Giulia De Lellis, è in testa alle classifiche di vendita. Noi l’abbiamo letto e ne parliamo qui. Ma raccontare questo libro vuol dire far “uscire allo scoperto” la ghostwriter Stella Pulpo, nota per essere il nome dietro al famoso blog Memorie di una vagina. “Non è così delirante che abbia scritto per Giulia. Avevo perplessità, poi ho capito che parlare con una donna diversa da me era un atto femminista, perché essere femminista significa stare dalla parte di ogni donna“, ha raccontato la Pulpo al Corriere della Sera. E a quanto pare tra le due è nato un rapporto di amicizia: “Per Giulia sono diventata l’amica più vecchia e secchiona che ti aiuta a vedere le cose da un’altra prospettiva. Raccontarsi le ha fatto bene. All’inizio, non voleva, diceva: ho paura di piangere questo morto che non ho ancora pianto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nadia Toffa, stasera puntata speciale de Le Iene dedicata a lei: oltre 100 ospiti in studio da Luciana Littizzetto a Fabio Rovazzi e Simona Ventura

next
Articolo Successivo

Il Volo, la lite per la gestione dei guadagni dei tre tenori finisce in tribunale: il manager a processo per “infedeltà patrimoniale”

next