Tornavano dalla discoteca, ma l’auto si è schiantata contro un albero. Sono morti così tre giovani: Giulio Nali, 28 anni, di Occhiobello (Rovigo), Manuel Signorini, 23 anni, di Salara (Rovigo), e Miriam Berselli, 21 anni di Ferrara. Lavoravano tutti insieme in un supermercato della città estense. L’incidente è avvenuto attorno alle 2.30 in via Cento a Vigarano Mainarda, in provincia di Ferrara. Un quarto ragazzo, che era alla guida del mezzo, è rimasto ferito ed è stato ricoverato in ospedale ma non è in pericolo di vita.

I ragazzi erano di ritorno da un locale quando il giovane che era alla guida, all’altezza di un rettilineo, ha perso il controllo dell’auto, una Mazda 3, che è finita fuori strada per poi schiantarsi contro uno dei platani al bordo della carreggiata. Il 24enne è ricoverato all’ospedale di Cona ed è già stato sottoposto agli esami tossicologici per valutare le sue condizioni. Dalle analisi è emerso che aveva un tasso alcolemico pari a 1,30, quasi tre volte superiore al limite consentito.

Ferito in codice rosso, ma sempre cosciente, il ragazzo era quindi ubriaco: questo, insieme alla velocità sostenuta e all’asfalto umido, lo avrebbe fatto uscire di strada una prima volta per poi farlo schiantare contro l’albero una volta riuscito a immettersi nuovamente sulla corsia. I tre amici che erano con lui sono morti sul colpo, incastrati tra le lamiere dalle quali i vigili del fuoco li hanno liberati dopo ore.

Nessun altro veicolo è stato coinvolto nell’incidente. Il pubblico ministero di turno, dopo i rilievi delle forze di polizia per ricostruire la dinamica dell’incidente, ha disposto il trasporto delle salme all’istituto di Medicina legale e ordinato l’autopsia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, 57enne è in chiesa per pregare: un uomo la aggredisce alle spalle e tenta di stuprarla. Arrestato un 34enne

prev
Articolo Successivo

Violenza sulle donne, picchia la compagna: arrestato il dirigente di banca Sarcinelli

next