Due azzurri in semifinale nei 100 metri ai Mondiali di Doha. Sabato, ai blocchi che stabiliranno gli 8 finalisti ci saranno anche Filippo Tortu e Marcell Jacobs.

Il velocista milanese si è qualificato con un non brillantissimo 10″20, mentre Jacobs si è spinto fino a un ottimo 10″07 arrivando secondo nella sua batteria, vinta da Christian Coleman, favorito per l’oro, in 9″98. Invece Tortu, dopo essere partito male, è riuscito a rialzarsi negli ultimi 50 superando il giapponese Koike.

Il 21enne milanese, che lo scorso anno scese a 9″99, quest’anno non è mai andato sotto il 10″10, crono raggiunto a Oslo il 13 giugno. Jacobs, invece, è arrivato a Doha dopo un mese e mezzo senza gare, ma al termine di una stagione in cui ha messo da parte il salto in lungo per concentrarsi sui 100 piani bissando il titolo italiano già vinto nel 2018. Nello stadio Khalifa, le semifinali sono in programma sabato alle 17.45 e alle 21.15 la finale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, anelli o cattedrale? Ecco i due progetti per nuovo stadio di San Siro. I video di presentazione

next
Articolo Successivo

L’avversario sta male, lui si ferma e lo porta al traguardo: il gesto che vale più di una vittoria

next