Jonathan Busby, di Aruba, sta gareggiando nei 5mila metri ai Mondiali di atletica in Qatar. A circa 250 metri dall’arrivo, crolla a terra, disidratato e stremato dalla fatica. Alle sue spalle, però, arriva l’atleta della Guinea Bissau, Braima Sunclar Dabó. Che si ferma, lo aiuta a rialzarsi e lo accompagna fino al traguardo. Un gesto, salutato dagli applausi del pubblico, che vale più di una vittoria. Dabò segnerà comunque il suo personale in 18’10”87. Busby verrà squalificato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali di atletica, Filippo Tortu e Marcell Jacobs in semifinale nei 100: il milanese si ferma a 10″20, il bresciano vola con 10″07

next
Articolo Successivo

Mondiali atletica leggera, Coleman vince l’oro nei 100 metri. Tortu finisce settimo, ma è il primo italiano dopo 32 anni

next