Il nono mese consecutivo di cali, il ribasso più forte da 10 anni. Anche a settembre non arrivano buone notizie per l’economia della Germania: l’indice dei direttori d’acquisto (Pmi), che monitora l’attività manifatturiera, è crollato a 41,44 punti contro i 43,5 di agosto e a fronte di una stima degli analisti consultati da Bloomberg di 44. Un valore molto lontano dalla soglia dei 50 punti che fa da spartiacque tra l’espansione e la contrazione. Frena anche l’attività dei servizi che però si mantiene ancora in espansione: secondo i dati di Ihs Markit l’indice Pmi servizi si attesta a 52,5 punti dai 54,8 di agosto (ai minimi da 9 mesi).

Dati non certo inaspettate, visto che già l’indice Ifo che misura la fiducia delle imprese aveva segnato un nuovo record negativo ad agosto, accompagnando i risultati negativi della produzione industriale di luglio: -4,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La produzione tedesca si è inceppata e l’economia non cresce più: nel secondo trimestre il pil di Berlino ha segnato una contrazione congiunturale dello 0,1 per cento. E ora lo stesso istituto Ifo prevede che l’economia entrerà in recessione tecnica nel terzo trimestre dell’anno, dal momento che si attende un ulteriore calo del pil dello 0,1%. La fase di stagnazione si trascina ormai dall’anno scorso: già nel terzo trimestre 2018 il prodotto interno lordo della Germania aveva segno negativo e il Paese aveva sfiorato la recessione.

Il governo Merkel sta tentando di correre ai ripari: l’ultima mossa è stata il pacchetto sul clima che prevede misure per 100 miliardi di euro fino al 2030. Anche questa volta però nessuno strappo alla regola dello Schwarze Null, il pareggio di bilancio. I Verdi all’opposizione, ma anche alcune correnti interne alla Spd e molti economisti, chiedono invece a Berlino di cambiare strategia e sdoganare gli investimenti in deficit per ridare linfa alla locomotiva economica d’Europa.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conti pubblici, l’Istat rifà i calcoli dal 1995: crescita 2018 rivista al ribasso e deficit/pil sale al 2,2%. Bankitalia alza stima debito al 134,8%

next
Articolo Successivo

Stati Uniti, la riconferma di Trump appesa alle sorti dell’economia che va verso la recessione. Mentre le famiglie pagano il conto dei dazi

next