Un papà e la sua bimba di sei anni sono morti, domenica mattina poco prima delle 9, in una Mini Cooper che ha preso fuoco. Giuseppe Pennacchio, 42 anni, e la figlia Nicole, erano in una utilitaria d’epoca quando è avvenuto un incidente sull’autostrada Torino-Pinerolo. L’uomo e la piccola sono rimasti intrappolati nell’auto che ha preso fuoco dopo un tamponamento con una Toyota Verso guidata da un uomo di 55 anni ora ricoverato all’ospedale di Pinerolo. Anche la Toyota è stata avvolta dalle fiamme.

Il rogo davanti agli occhi della moglie e madre delle due vittime. La donna viaggiava su un’altra Mini Cooper insieme alla figlia più piccola, di soli 4 mesi. Ha cercato di avvicinarsi, nel tentativo di salvare il marito e la bambina. Ma l’incendio non glielo ha permesso e la donna non ha potuto fare altro che chiamare i soccorsi.

All’altezza dell’uscita per Riva di Pinerolo, Giuseppe si è fermato con l’auto sulla corsia d’emergenza. Nell’immettersi nella carreggiata, è stato tamponato dalla Toyota. Il serbatoio è scoppiato e la Mini su cui viaggiava si è trasformata in una trappola mortale. L’esatta dinamica dell’accaduto, e le eventuali responsabilità, sono ora al vaglio della polizia stradale che, per effettuare i rilievi e consentire i passaggi dei mezzi di soccorso, ha chiuso l’autostrada all’altezza di Riva di Pinerolo. La famigliola avrebbe avrebbe dovuto partecipare a un raduno al castello di Macello, comune di circa 1.600 abitanti nel pinerolese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Andria, 28enne accoltellato a morte per una mancata precedenza. Le forze dell’ordine fermano un pregiudicato del posto

prev
Articolo Successivo

Benevento, neonato lanciato da una scarpata: la madre fermata per omicidio

next