Era stata accusata di aver chiesto a Rani Saidi, sua guardia del corpo, di minacciare, picchiare e umiliare un idraulico chiamato per riparare una vasca. E oggi la sorella del principe saudita Mohammed ben Salmane, Hassa bint Salman, è stata condannata dal tribunale di Parigi a dieci mesi di carcere con la condizionale e 10.000 euro di multa per quelle violenze inflitte all’uomo che aveva fatto una riparazione nella sua casa: l’idraulico era stato picchiato, legato e costretto a baciare i piedi della principessa per ore. Il motivo delle percosse e delle umiliazioni? Secondo i legati della donna, alcune foto secondo la principessa non autorizzate che l’artigiano aveva scattato per motivi di lavoro nel bagno dell’appartamento in Avenue Foch, una delle strade più chic di Parigi. I fatti risalgono al 2016.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coppia di blogger arrestata in Iran: rischiano dieci anni di carcere per aver fatto volare un drone

next
Articolo Successivo

Friggitrice piena di olio bollente esplode a festival di torte: un morto e 14 feriti, cinque rischiano la vita

next