Momenti di imbarazzo in apertura della seconda puntata della nuova stagione de La Vita in Diretta. Il secondo appuntamento con la striscia pomeridiana di Rai 1 è stato caratterizzato infatti da un problema tecnico che ha giocato un brutto scherzo ai conduttori, Lorella Cuccarini e Alberto Matano. Da copione, i due fanno il loro ingresso in studio dopo la sigla del programma da una porta led che si apre automaticamente: questa volta però non si è aperta, lasciando per qualche minuto i conduttori bloccati dietro le quinte.

Matano e la Cuccarini però, hanno preso l’inconveniente con ironia e in studio si sentivano le loro risate da dietro la porta bloccata. Quando poi finalmente si è aperta e i due sono riusciti a fare il loro ingresso, l’imbarazzo è scomparso: “Ci volevano bloccare, ma non ci fermerà nessuno!”, hanno commentato rompendo così il ghiaccio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Oradei piange e parla per la prima volta della fine dell’amore con Veera Kinnunen

next
Articolo Successivo

Alba Parietti, la battuta in diretta: “Più che un’alba sei un tramonto”. Lei si infuria: “La Rai ti paga per dire queste cose?”

next