Si chiama Audi AI:Trail quattro e sembra quasi uno di quei veicoli studiati per esplorare Marte: trattasi di un prototipo 100% elettrico pensato per la guida in fuoristrada, l’ideale per attirare l’attenzione del pubblico del Salone di Francoforte. La cabina passeggeri appare sospesa sul pianale, è ispirata a quella degli elicotteri e pensata per ottimizzare la visuale del pilota quando si lascia il nastro d’asfalto per avventurarsi in off-road.

Lungo 4,15 metri, il mezzo è spinto da quattro motori elettrici e vanta la trazione integrale: la potenza complessiva è di 435 Cv, con un valore di coppia motrice di 1.000 Nm. Le batterie forniscono un’autonomia che oscilla fra 400 e 500 km omologati Wltp. L’assetto rialzato sfrutta cerchi da 22″, gommati con pneumatici off-road da 33,5″, gli stessi che garantiscono un’altezza da terra minima di 34 cm e una capacità di guado di 49 centimetri.

In controtendenza l’interno, dove mancano i consueti schermi dedicati a strumentazione e infotainment, idealmente rimpiazzai dagli smartphone di guidatore e passeggeri. I sedili posteriori sono rimovibili e utilizzabili come sedie esterne, magari per un campeggio. Tuttavia, la vera chicca sono gli abbaglianti: quelli tradizionali sono assenti, al loro posto ci sono cinque droni a basso consumo che volano davanti al percorso affrontato dal veicolo, illuminandolo passo passo, per poi tornare sul tetto della vettura.

Non è tutto, le loro telecamere possono trasmettere immagini in tempo reale all’interno del veicolo; e quando non volano, i droni possono fare luce nell’abitacolo attraverso il tetto in vetro. Su strada la vettura è progettata per essere sempre guidata dal pilota automatico di Livello 4, mentre in fuoristrada è l’uomo a prendere i comandi, potendo tuttavia fare conto su un’assistenza da parte della sensoristica dedicata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen ID.3, la rivoluzione popolare a batteria. E spazio al nuovo logo Vw

next
Articolo Successivo

Mercedes Vision EQS, l’ammiraglia elettrica con le stellette – FOTO

next