“Il giudizio universale sta arrivando: scioglimento dei ghiacciai, siccità, desertificazione, eventi climatici estremi, estinzione di interi ecosistemi sono solo alcuni dei fenomeni che già oggi si verificano su tutta la Terra”. Per questo motivo, nell’ultima giornata del campeggio climatico internazionale al Lido di Venezia viene lanciata una campagna legale chiamata proprio “Giudizio Universale”. Il piano è quello di unire agli incontri di studio e di scambio di buone pratiche e alle proteste anche una vera e propria causa legale, come spiega Rita Cantalino dell’associazione “A Sud”: “Analogamente a quanto hanno fatto in moltissimi altri Paesi, in alcuni casi con successo, come movimenti e cittadini abbiamo deciso di citare in giudizio lo Stato, istituzioni e imprese per costringerli ad attuare politiche realmente efficaci per le quali si sono impegnati”.
La richiesta in definitiva è sempre quella di adottare misure più stringenti per rispondere ai cambiamenti climatici e invertire il processo, e alla causa legale si associa un appello, sottoscrivibile sul sito giudiziouniversale.eu, perché “gli scienziati ne sono certi – spiegano gli attivisti climatici – se continuiamo così, entro la fine del secolo le temperature aumenteranno di oltre 4°C con conoscenze distruttive per tutti. Abbiamo appena undici anni per bloccare tutte le politiche che generano emissioni e modificano il clima”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Toscana, è “l’anno nero dell’apicoltura”. Produzione di miele ai minimi: colpa di clima, pesticidi e siccità. “A rischio anche i raccolti”

prev
Articolo Successivo

Trieste, chiude l’area a caldo della Ferriera di Servola: a rischio i 450 dipendenti. Il dossier sul tavolo del neo ministro Stefano Patuanelli

next