La nuova edizione delle scarpe sportive Nike Adapt Huarache si può controllare direttamente tramite Siri o utilizzando un Apple Watch. È questa la novità principale di un modello che dal 1991 si rinnova costantemente, e che qualche tempo fa ha presentato una delle chicche tecnologiche più sfiziose: il sistema di allacciatura automatico FitAdapt che adatta la tensione dei lacci in base alla forma del piede e delle situazioni.

Chi possiede un dispositivo Apple e indosserà le nuove calzature, potrà dire “Ehi Siri, slaccia le mie Nike” e la tensione dei lacci verrà immediatamente allentata. Sempre tramite l’assistente virtuale di Apple si potranno inoltre gestire i colori delle luci LED integrate nella suola della scarpa.

La tecnologia FitAdapt non è inedita, ed è notoriamente gestita da un motore integrato nella parte mediana della scarpa. Chi non possiede un prodotto Apple può controllare l’allacciatura mediante l’app Nike Adapt, che nel caso delle Huarache è stata personalizzata con un’interfaccia a tema e una serie di raccomandazioni preimpostate per il tipo di piede e di attività. Volendo, l’operazione si può svolgere tramite Siri, che è una comodità se si vuole regolare l’allacciatura con un semplice comando vocale.

Tutto è molto “user Friendly”, tranne il prezzo: negli Stati Uniti, dove arriveranno in commercio il 13 settembre, le Nike Adapt Huarache costeranno 350 dollari. Al momento non ci sono informazioni per l’Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

MacBook Pro 15 venduti fra il 2015 e il 2017 banditi dalle compagnie aeree

next
Articolo Successivo

Apple sostituisce gratuitamente lo schermo ad alcuni Watch perché difettosi

next