Si avvicina il giorno in cui, per comprare un paio di scarpe, non ci sarà più bisogno d’indossarle e fare qualche passo per capire se calzano comode. Basterà fotografare il piede con un’app, ci penserà l’Intelligenza Artificiale a decidere se saranno adatte e comode oppure no. L’idea, che sembra uscire dalla fantascienza, è di Nike, noto produttore di scarpe sportive. Ha annunciato che nel corso dell’estate pubblicherà l’app Nike Fit, che combina Realtà Aumentata, computer vision, dati scientifici, Intelligenza Artificiale e algoritmi per la scansione dei piedi: lavoreranno insieme per trovarvi le scarpe perfette.

L’app sembra facile da usare: basta aprirla, navigare fino alla pagina del modello che si desidera, e invece di selezionare la misura del proprio piede, bisogna scegliere la voce che “prende la misura” automaticamente. A questo punto si apre la fotocamera e bisogna scattare una foto di entrambi i piedi, allineando due cerchi virtuali che appaiono sullo schermo prima di scattare. Il software scansionerà i piedi e poi vi dirà la vostra misura ideale per quella calzatura. Stando a quanto riferiscono le fonti straniere, l’intero processo richiederebbe meno di un minuto e la precisione promessa è inferiore a 2 mm.

Oltre a “sfornare” il numero, l’app spiegherà anche perché è indicato un numero invece di un altro. Potrebbe risultare che un certo paio di scarpe veste piccolo, o che il vostro piede destro è più grande di quello sinistro, o viceversa, motivo per cui sarà consigliato un numero in più. Fra le spiegazioni riportate, su due piedi quella che pare meno convincente è che “l’80% delle persone con piedi simili ai vostri ha acquistato questa taglia”.

Secondo il produttore questa soluzione, oltre che per gli adulti, dovrebbe essere una comodità per i genitori, che potrebbero “andare a colpo sicuro” a comprare le scarpe dei propri figli senza portarli in negozio e senza sbagliare.

A quanto pare, i test che sono stati condotti finora hanno dati risultati incoraggianti, tanto da spingere a Nike a rendere pubblicamente disponibile l’app. Per avere un campione ampio e attendibile però bisognerà attendere che migliaia di utenti ne facciano uso e pubblichino un feedback.

Qualcuno si starà chiedendo se non si fa comunque prima con il “vecchio metodo” di provare le calzature prima di comprarle. La risposta di Nike è “no”, perché stando ai dati snocciolati dall’azienda statunitense, oltre il 60% delle persone indossa scarpe di dimensioni sbagliate. Perdonate lo scetticismo, ma prima di credere che un’app sappia meglio di noi come sono i nostri piedi, preferiremmo verificare sul campo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Analfabeti digitali: secondo l’OCSE l’Italia il terzo Paese peggiore su 29 analizzati

prev
Articolo Successivo

Borderlands 3 pronto a conquistare gli appassionati di giochi, ecco le nostre impressioni

next