di Damiano Vincelli

L’estate sta finendo, e con lei noi attivisti di Fridays For Future ci prepariamo al ritorno tra i banchi di scuola per iniziare una nuova stagione di studio e attivismo ambientale. Però, prima che torni il caldo anomalo dell’autunno, prima che comincino gli imprevedibili acquazzoni e temporali, rimane ancora un appuntamento per gli striker di tutta Europa: dopo essere stati a vari campeggi climatici, manifestazioni e incontri in tutta Europa, dal 4 all’8 settembre saremo al Climate Camp al Lido di Venezia, lanciato dal nodo veneziano di Fridays For Future e dal comitato No Grandi Navi, il cui appello ha catturato l’attenzione di esperienze di lotta ambientale e di movimenti per la giustizia climatica della nostra penisola e di tutto il continente. Saranno quattro giorni di incontri, workshop, azioni di protesta, momenti assembleari e di socialità con lo scopo di creare uno spazio di dialogo e di confronto per immaginare nuove pratiche per far fronte comune su un tema – il clima – che non può più essere ignorato dai cittadini del mondo e dai governi.

Periodo e luogo non sono casuali. Venezia è una città che vive grazie all’equilibrio secolare tra la popolazione ed il mare, un equilibrio che sta venendo messo in gravissimo pericolo dal riscaldamento globale: secondo tutti i più recenti studi sul tema, la stessa esistenza futura della città è messa in pericolo dall’innalzamento del livello del mare, effetto diretto del global warming. La gestione della città e della laguna è anche il perfetto esempio di un’azione politica interessata maggiormente al lucro nel presente che al benessere del futuro. L’ecosistema lagunare è estremamente fragile e delicato, e scelte politiche come il transito delle grandi navi non fanno altro che aggravare la situazione già precaria di una città che – ricordiamolo – è patrimonio Unesco e come tale dovrebbe essere tutelata.

Nei giorni del Climate Camp si terrà la 76° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Un evento che godrà di un’alta attenzione mediatica e vedrà passare sul tappeto rosso attori, registi e personaggi famosi da tutto il mondo. Ecco, la volontà del Camp è utilizzare proprio lo spazio del red carpet per dare maggiore visibilità all’urgenza climatica che stiamo vivendo e spingere chi di dovere a parlare di questa crisi.

Una data su tutte è da ricordare: sabato 7 settembre. Per quel giorno è prevista una manifestazione che, partendo dal campeggio, si sposterà per il Lido. L’hashtag con cui l’evento è stato lanciato è #WeWantTheRedCarpet, e la speranza è che anche le star della rassegna cinematografica, quei VIP spesso impegnati nella difesa del nostro pianeta ascoltino il nostro appello e dimostrino coi fatti la loro dedizione per la causa.

Ma il Climate Camp è anche informazione: si parlerà del caso Mose, esempio di risposta inadeguata al problema dell’innalzamento dei mari diventata mangiatoia per corrotti; si parlerà del problema delle grandi navi, colpevoli di star devastando i fondali della laguna non adatti al passaggio di questi enormi “edifici galleggianti”; si parlerà della Nigeria, dalla quale avremo l’onore di ricevere un attivista impegnato da anni nella lotta contro i crimini di multinazionali come Shell o l’italiana Eni.

Tutto ciò in un campeggio che non si limita a tendere all’impatto zero, ma è pensato per esserlo: offerta di alimentazione vegana di cibo prodotto nelle isole limitrofe, energia elettrica rigorosamente da fonti rinnovabili e un occhio di riguardo per tutti quei dettagli che nell’organizzazione di eventi come questo possono portare a una qualsiasi tipo di inquinamento.

Questo e molto altro sarà il Climate Camp di Venezia, un evento che non ha nessun precedente – per affluenza e per forza politica – nel nostro paese. Iniziativa che prende spunto da movimenti come Ende Gelände in Germania, collettivo storico che, tra le varie mobilitazioni, organizza ogni anno un campeggio sempre partecipatissimo e di respiro internazionale nei pressi della più grande miniera di carbone del mondo ad Hambach, nel nord del paese. Un luogo anch’esso di fortissimo impatto, nel quale non a caso Fridays For Future ha svolto a giugno il suo primo central strike.

Se volete vivere un’esperienza unica, nel suo genere se volete conoscere la realtà dietro la propaganda delle lobbies, se volete iniziare a cambiare le cose, il Climate Camp è il posto che fa per voi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli impianti sciistici sul Catria sono poco usati e rovinano l’ambiente. Coi nostri soldi

next
Articolo Successivo

Rifiuti, c’è poco da fare: la bioplastica è cara e non riciclabile. Ed è un bel problema

next