“Cercherò di sfruttare al massimo questo clima di grande apertura” in Europa nei confronti dell’Italia “per ottenere dei risultati concreti: mi piacerebbe molto che l’Italia possa dare un contributo critico per adeguare il Patto di Stabilità al nuovo ciclo economico, alla nuova prospettiva economica”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, intervenendo alla Festa de ‘Il Fatto quotidiano’.

“Sto ricevendo tanti messaggi da parte dei leader che ho conosciuto in questi 14 mesi girando in lungo e in largo il mondo e in particolare tanti segni di apprezzamento da parte di tanti leader europei, non soltanto della Mitteleuropa, del centro Europa, ma anche dell’Est. Questo fa piacere – ha aggiunto – ma ovviamente non è solo un segno di attenzione personale che può lasciare il tempo che trova. Lo considero invece un ottimo auspicio per avviare un’esperienza di governo in cui l’Italia può finalmente recitare un ruolo da protagonista in questa nuova legislatura”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Versiliana 2019, Conte: “Chi sbarca in Italia, sbarca in Europa. Modificare regolamento di Dublino e lavorare su meccanismo europeo”

prev
Articolo Successivo

Versiliana, Bersani e l’aneddoto sul corteo per l’ambiente: “A un ragazzo dissi: ‘Una meraviglia. Peccato non sia un ’68, mi fischiereste”

next