Ha aperto il primo “sexy shop con valori cristiani“: niente pornografia, ma una vasta gamma di sex toys dedicati soprattutto alle coppie. Succede in Germania: il sito Schoenerlieben.de esiste dall’inizio del novembre 2017 ed è stato creato dichiaratamente non a caso per il 500/o anniversario della Riforma protestante, segnala il sito del quotidiano conservatore tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung.

L’idea fondante è che valori cristiani ed strumenti erotici non siano in contraddizione: “L’erotismo è qualcosa di incredibilmente bello. Chi ammette che è stato creato da Dio, dovrebbe essere grato e goderlo in pieno”, ha sostenuto uno dei fondatori del sito, Jonathan Peters. Ovviamente “la fedeltà è per noi molto importante. Vogliamo che la sessualità all’interno di un rapporto sia così divertente che pornografia e tradimento non abbiano spazio“, ha sottolineato. Il sito, dalla grafica semplice, non mostra alcuna nudità o immagine porno, sebbene ci sia una vasta gamma di vibratori (anche “di coppia”), profumi ai feromoni, gel, per arrivare fino alle manette. “La fantasia resta nella testa e legata al partner”, ha detto Peters segnalando che nelle loro confezioni, a differenza di molti altri sexy-shop online, non ci sono attrici porno dato che le immagini di persone nude potrebbero ingenerare irrealistiche aspettative nel partner.

Seguendo questa filosofia “no porn, no nudity“, Schoenerlieben ha rinunciato a vendere intimo sexy, dato che usualmente vanno mostrati modelle e indossatori. Con circa 250 visitatori al giorno, il fatturato al momento non consente ai quattro gestori di vivere di questa attività e li sta costringendo a cercare investitori per “salire ad un altro livello”. A comprare sono uomini e donne in egual misura e il sito è aperto anche a non-cristiani e omosessuali: “Non vogliamo indicare alcun modello di quale sia la ‘giustà sessualità”, ha avvertito Peters, anche se il linguaggio della piattaforma è chiaramente adattato alle coppie. Oltre alla presenta virtuale, il sito si è già fatto notare con uno stand a un raduno evangelico e a un festival musicale cristiano, il “Freakstock”, segnala il quotidiano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bruno Fernandes, il portiere condannato a 20 anni di carcere per omicidio torna in campo. I tifosi: “È un assassino, qui non lo vogliamo”

next
Articolo Successivo

Bambina pesca con canna giocattolo di Frozen e prende un pesce (da 15 kg) più pesante di lei

next