Mafie e donne. È questo il tema dell’edizione 2019 della Summer School on Organized Crime del Dipartimento di Studi internazionali, giuridici e storico-politici dell’Università degli Studi di Milano diretta da Nando dalla Chiesa che partirà il prossimo 9 settembre. Un appuntamento ormai fisso per la comunità scientifica e civile, che offre un’occasione di aggiornamento e confronto su un tema che investe le disuguaglianze di genere, i costumi civili, i processi educativi, il diritto di famiglia e l’antropologia culturale.

Cronaca, ricerche scientifiche, testimonianze, infatti, dicono che se è vero che si aprono carriere femminili anche dentro alcune organizzazioni mafiose, è altrettanto vero che il muro dell’omertà e della sudditanza femminile va sgretolandosi. Che il rifiuto, l’abbandono, la defezione delle donne sono diventati una realtà concreta, nonostante la ferocia di reazioni che avrebbero dovuto “educare” per sempre gli spiriti ribelli. Non solo, nella società italiana va sempre più estendendosi, e diventando maggioritaria, la partecipazione delle donne ai movimenti antimafia, dalla scuola al teatro, dalla ricerca all’associazionismo.

Per cinque giorni sociologi, magistrati, ex detenute, giornalisti, attori, registi, uomini di chiesa, esponenti politici, mescoleranno scienza sociale e arte, informazione e giustizia, fede e testimonianze di vita, per mettere a fuoco un fenomeno in grado di “disorientare” la mafia, di privarla di certezze secolari. Una possibilità da esplorare e capire fino in fondo per non perdere una grande occasione di cambiamento. Le iscrizioni si possono fare per via telematica fino a sabato 31 agosto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia foggiana, il figlio del boss assenteista e la spedizione punitiva del papà nell’ufficio del dirigente pubblico: “Non dargli più fastidio”

prev
Articolo Successivo

Carlo Alberto Dalla Chiesa, 37 anni fa la mafia uccise il generale con la moglie e la scorta. Mattarella: ‘Innovatore attento e lungimirante’

next