Gué Pequeno è stato ospite della Notte della Taranta. Ma la sua esibizione ‘non è andata giù’ a molti che hanno seguito lo spettacolo e che l’hanno trovata a dir poco fuori luogo rispetto alla tradizione. Gué ha messo insieme pizzica e rap: “Non è fantascienza. Il groove, il bit è riconducibile un po’ al nostro mondo, un po’ funky, un po’ black, la radice è quella”, aveva detto Gue all’Ansa, durante le prove. “Penso che il suono sia un bell’esperimento e che questa manifestazione, non parlo di politica, ma dal punto di vista visivo e sonoro dà di per sé un messaggio universale sicuramente super ‘love’ e positivo”. Ecco, di “love” e “positivo” nella sua performance, secondo molti spettatori c’era ben poco. E i tweet polemici sono tantissimi: “Della notte della taranta non me n’è mai fregato più di tanto ma ora vedendo Guè pequeno che canta sta puttanata che fa “più di un film, più di un drink, più della marijuana” tra le canzoni della tradizione mi dispiace di non essere sotto il palco di Melpignano con una granata“, scrive qualcuno. E ancora: “A proposito di Crisi. Ho ascoltato solo ora il rap di Gue Pequeno alla Notte della Taranta. Io vi denuncio. Non lo fate mai più“, “#guepequeno che canta per #lanottedellataranta è l’emblema dell’essere fuori luogo. Apprezzo l’impegno, ma no”, “Cacciate #GuèPequeno per favore!”, “Gue Pequeno come la mortadella nella carbonara”. Insomma, una pioggia di critiche per il rapper, che ancora non ha risposto. Vediamo se deciderà di farlo.

Articolo Precedente

Vasco Rossi, dopo l’assalto dei fan (e la fuga) il cantante torna in spiaggia per incontrare i suoi sostenitori. Ma questa volta non è da solo

next
Articolo Successivo

Veronica Satti, ecco cosa ha fatto il papà Bobby Solo per lei

next