Come fosse una grande discarica, i leader politici e i loro affezionati fan svuotano nei social ogni veleno, ogni falsità, ogni elemento, vero, verosimile o dichiaratamente falso, che ne possa agevolare il consenso.

Senza internet, dunque senza la preoccupazione di ridurre il coefficiente di baggianate se ci fosse stato ad ascoltarli preventivamente qualcuno (i maledetti giornalisti?) con un minimo di sale in zucca, molte falsità e l’instillazione continua dell’odio e della paura, ce le saremmo risparmiate dai leader.

Questa crisi, per la prima volta, costringe almeno due forze politiche a misurare le parole. Ed è già un successo. Ha almeno il merito di ridurre le contumelie, di circoscrivere il fuoco delle parolacce, di inibire a due dei protagonisti della scena politica (Pd e Cinquestelle, in fase di fidanzamento) l’uso scriteriato del linguaggio. Durerà solo qualche giorno? Magari sì.

Ma è meglio di niente. In questo dirupo che è divenuto internet, anche uno spuntone di roccia a cui aggrappare la mano fa venire la speranza che non è ancora detto che cascheremo all’ingiù e ci sfracelleremo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ponte Morandi, monumento all’Italia che non deve mai rendere conto

next
Articolo Successivo

Crisi di governo e M5s, nel gioco della torre (della realtà) Grillo si salva e Casaleggio va giù

next