Lo spostamento d’aria prodotto da questa crisi di governo nei Cinquestelle ha lasciato in piedi Beppe Grillo e messo quasi al tappeto Davide Casaleggio. Il primo ha reagito al trauma di una sconfitta strategica, cioè l’impossibilità di promuovere il cambiamento con la forza che era parsa più affine, con un doppio passo in avanti. Lui, prima ancora di Matteo Renzi, ha intravisto nella difesa ultima delle ragioni del Movimento la necessità di provarci ancora nell’idea che la meccanica, appunto il movimento, fosse la salvezza e insieme la speranza. Mobilità come capacità di generare alleanze e produrre i fatti che dessero ragione a chi ha votato Cinquestelle. Grillo non soltanto ha spinto i suoi a non avere paura del nuovo, ad abbracciare il Pd dopo essere stati scaricati dalla Lega. Ha anche prodotto, ed è il fatto politico saliente, un cambiamento della leadership sostituendo Di Maio, che paga il fallimento dell’alleanza con Salvini, con Giuseppe Conte. Era sempre Grillo ad aver puntato su Di Maio, giovane, borghese, volitivo, con una faccia pulita e un messaggio rassicurante. Oggi, in virtù della fede nel movimento, cambia strada e cerca Conte, che possiede le medesime virtù anestetetiche del giovane Luigi, e quindi tranquillizzanti per un elettorato moderato, ma in più un background professionale e un sistema di relazioni notevolmente più larghe e solide. Non solo la giacca e la cravatta ministeriali, ma anche la pochette al taschino, segno dell’upgrade nella reputazione sociale.

E Casaleggio? Governa l’organizzazione interna ora che però le manovre sono parlamentari, poco controllabili, gestisce o influisce sulla piattaforma Rousseau oggi che la forza delle cose, e cioè la formazione del nuovo governo, si costruisce e si decide tra il Quirinale e Palazzo Chigi. Davide Casaleggio, nel nome del padre Gianroberto, è custode dell’ortodossia: fede sconfinata nelle virtù palingenetiche del Movimento, nella sua unicità e nella sua incoercibile capacità di puntare da sola alla maggioranza dei voti.

La realtà, come sempre, ora si incarica di assegnare il torto e la ragione. Casaleggio è out. Se conta, conta di meno perché Beppe Grillo oggi conta assai di più.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I primi effetti della crisi: meno parole al vento

next
Articolo Successivo

Migranti, un cardinale al governo: perché l’arcivescovo Zuppi sarebbe la nomina giusta

next