Ha avuto un malore mentre era in vacanza in Sicilia con la moglie. È morto così a 76 anni Felice Gimondi, il mito del ciclismo italiano, vincitore del Tour de France nel 1965 e di tre Giri d’Italia, nel 1967, ‘69 e ‘76. Un campione completo, capace di fare la differenza in montagna, nelle volate, in fuga, nelle prove a cronometro.

L’ex campione bergamasco, che concluse la carriera su strada nell’ottobre 1978 partecipando al Giro dell’Emilia, stava facendo il bagno a Giardini Naxos, quando ha avuto un malore improvviso.

Nato il 29 settembre del 1942 a Sedrina, in provincia di Bergamo, Gimondi è stato un ciclista su strada, pistard e dirigente. Cominciò a gareggiare nel ciclismo nel 1959, da allievo, ottenendo la prima vittoria nel maggio del 1960, nella Bergamo-Celana. Dopo pochi anni, nel 1965, appena diventato professionista, vinse il Tour de France. I successi si susseguirono anno dopo anno, tanto che oggi è uno dei sette corridori ad aver vinto tutte e tre le massime competizioni nel campo del ciclismo: il Giro d’Italia, la gara francese e la Vuelta spagnola, nel 1968. Nel suo curriculum anche un Mondiale, una Parigi-Roubaix, una Milano-Sanremo e un Lombardia. Nel complesso, 118 vittorie da professionista. Per undici volte ha rappresentato i colori azzurri ai Mondiali.

Corse le sue migliori gare insieme al “cannibale” belga Eddy Merckx e per questo è stato più volte soprannominato “l’eterno secondo”. In realtà è stato uno dei suoi più validi avversari insieme a Luis Ocana e a José Manuel Fuente. Ai duelli con Merckx sono dedicate le canzoni “Gimondi e il cannibale” di Enrico Ruggeri e “Sono felice” di Elio e le Storie Tese. Il giornalista sportivo Gianni Brera lo soprannominò Felix de Mondi e Nuvola Rossa.

Dopo il ritiro nel 1978, è stato direttore sportivo della Gewiss-Bianchi, nel 1988 e poi, nel 2000 presidente della Mercatone Uno-Albacom, squadra di Marco Pantani. A lui è intitolata la Granfondo internazionale che dal 1996 si tiene in provincia di Bergamo, patrocinata dalla storica azienda milanese di biciclette, Bianchi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciclismo, Pozzovivo investito da un’auto mentre si allenava: fratture a braccio e gamba

next
Articolo Successivo

Felice Gimondi nei ricordi del rivale Eddy Merckx (e di mio nonno)

next