Il loro figlio neonato è deceduto un giorno dopo il ricovero in ospedale per complicazioni cardiorespiratorie e, al momento di portare a casa il suo corpo senza vita per il funerale, hanno ricevuto una bara bianca al cui interno c’era solo immondizia. È quanto ha denunciato alle autorità una coppia messicana, Manuel Hernandez e la moglie, che settimana scorsa ha perso tragicamente il proprio figlio e da allora non è riuscita ad avere dall’ospedale il suo corpo, come riferisce il Sun.

Tutto è iniziato il 9 agosto, quando i due genitori hanno portato il piccolo nell’ospedale di Ocosingo, in Messico: visto l’aggravarsi delle sue condizioni, il neonato è stato poi trasferito al Palenque General Hospital, dove è deceduto il giorno seguente, nonostante i medici avessero fatto il possibile per salvarlo. Così, qualche ora dopo il suo decesso, un parente della coppia ha chiesto ai medici di poter avere il corpo del bambino per organizzare il funerale. Una volta portata a casa la bara bianca c’è stata la scoperta: all’interno non c’era il corpo del piccolo bensì dei sacchi di plastica pieni di spazzatura avvolti in un lenzuolo, come i genitori hanno denunciato alla polizia.

Così, sono tornati in ospedale con altri parenti per chiedere conto di quanto accaduto ai medici. Dopo un’accesa discussione, Hernandez e la moglie hanno ricevuto il corpo di un bambino. Ma – dicono – non era quello del loro figlio che sostengono invece sia stato “perso” dall’ospedale. Sull’accaduto ora indaga la polizia, che ha aperto un’inchiesta per far luce sulla situazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La mamma le sequestra il telefono, 15enne twitta dal frigo: il suo post diventa virale

prev
Articolo Successivo

Hostess contrae il morbillo in volo: muore a 43 anni qualche giorno dopo

next