Accolto dai cori “non mollare”, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è arrivato in Prefettura a Foggia per la firma definitiva del Contratto istituzionale di sviluppo (Cis) che darà il via libera ai cantieri per il rilancio del territorio della Capitanata. Sono 43 i progetti in avvio, interessano la viabilità provinciale e altre infrastrutture, servizi per il turismo, collegamenti con le isole, valorizzazione museale e culturale, fino allo sviluppo dell’industria farmaceutica e sanitaria. Con la firma per questi progetti, finanziati con 280 milioni già stanziati dal Cipe, viene concretamente avviato il Cis, sviluppando investimenti per 534 milioni di euro. “Sarà al vostro fianco in qualsiasi veste” ha detto Conte di fronte agli amministratori foggiani. È la prima volta, questa, in cui Conte prende la parola pubblicamente dopo la conferenza stampa a Palazzo Chigi all’apertura della crisi di governo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, il voto in Aula per decidere le sorti di Conte. Pd e M5s (salvo sorprese) hanno i numeri per dettare l’agenda della crisi

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, salta incontro Berlusconi-Salvini. Forza Italia dice no a listone unico con la Lega: rischio implosione

next